LA VITA SU MARTE di G. Schiaparelli: Nuovo Tiemme (a c. di R. Roversi in chiave esobiologica ante litteram

Redazione

Anche un classico della moderna cosiddetta esobiologia in certo senso o della migliore "ufologia" nel senso Junghiano (Su Cose che si vedono nel cielo. Un mito moderno) immaginario e neomitico per l'editor elettronico a cura del poeta, critico, giornalista, editore Riccardo Roversi.  Il celeberrimo cult ottocentesco dell'astronomo italiano Schiaparelli e i suoi pretesi Canali di Marte che inaugurarono il mito stesso del Pianeta Marte e dei successivi .. Marziani.  Quei Canali opera di extraterrestri intelligenti naturalmente non sembrano esistere, ma la presenza d'acqua e quindi di fiumi e-o mari in tempi cosmici ultraancestrali, miliardi di anni fa, su Marte,  invece sono praticamente o quasi confermati dalla ricerca scientifica recente.  Un ennesimo esempio, per la storia della conoscenza, della Forza e Volontà di Bellezza e Futuro del linguaggio scientifico capace spesso di scoprire o almeno captare verità scientifiche anche attraverso eventuali errori. Sempre alla luce della modernità  un esempio della stessa essenza della cosiddetta futurologia scientifica, spesso fraintesa, in quanto suo obiettivo non  è la verità previsionale esatta ma scoprire scenari possibili e probabilistici,  non tanto  l'albero come metafora quanto radici potenziali... In ogni caso una meraviglia rileggere nel XXI secolo  La Vita su Marte dell'astronomo, oggi sembra un bellissimo libro di (scienza della) fantascienza.

Pubblicati nel 1893, 1895 e 1909 sulla rivista
«Natura e Arte», i tre saggi che compongono questo libro rappresentano l'apice degli studi sul "pianeta rosso" del celebre astronomo italiano Giovanni Virginio Schiaparelli, lo scopritore degli ancora oggi dibattuti "canali di Marte". Scritto con raro e coinvolgente afflato narrativo e corredato da molte suggestive immagini, il testo è stato prudentemente attualizzato nella terminologia.

 

Ciao, Ric

--
dr. Riccardo Roversi
http://www.riccardoroversi.onweb.it/

Commenti