Maria Marchese, Le scarpe rosse (Booksprint edizioni)


Nota di Asino Rosso  Versi  brillanti, delicati, malinconici e pulsionalmente aurorali: come petali rosa femminili, danzanti nel mare e le onde-  a volte quiete e a volte impetuose  dell'inconscio da dove fiorisce in superficie, ieri come oggi e domani, il fare poesia... O scarpette rosse immateriali.


"Un evento drammatico esacerba l'esistenza… eppure, di frequente, dà vita a una sensibilità superiore, che ha necessità di esprimersi. Così nasce questa raccolta di poesie che rappresentano una fuga dal dolore, verso dimensioni dell'anima, nelle quali essa trova quiete. Un viaggio, il mio, sulle ali di musiche operistiche e di vario genere, arti visive, ecc., che si intrecciano con le vicissitudini quotidiane, raggiungendo così un punto fermo dal quale ripartire".





Commenti