Ferrara, Tiemme eBook, news: la Genesi e Peter Pan

Da: Riccardo Roversi   Editore Tiemme e scrittore, critico letterario


Genesi è il primo libro della Bibbia (Antico Testamento), nonché il più letto e conosciuto. E questo per molte ragioni: per il celebre input: «In principio Dio creò il cielo e la terra…», per l'archetipico rapporto fra Adamo ed Eva, per il giardino dell'Eden con le sue tentazioni, per Noè e la salvifica arca, per i 969 anni di vita di Matusalemme… In fondo per la sua positiva e luminosa "visionarietà". (Riccardo Roversi)


*A forza di classic filosofia editoriale 2.0, poteva mancare il libro dei libri, la Genesi?  Che aggiungere di nuovo? Tiemme ci riesce, con un potenziamento nel titolo, Il Primo Visionario libro della Bibbia, ben azzeccato e interessante. non solo un testo sacro unico (per antonomasia e altitudine sconosciuta a qualsiasi altro testo  religioso), anche il primo grande infinito volo dell'Immaginazione umana,  utopico persino... (R.G.)


Peter ha solo sette giorni di vita e, come tutti i neonati, è per metà un uccellino, per questo riesce a volare via dalla sua casa di Londra e a tornare ai Giardini di Kensington da dove era arrivato. Gli esseri magici che vi abitano diventano suoi amici e lui impara a suonare il Flauto di Pan, guadagnandosi appunto l'appellativo di Pan: le fate gli permettono di suonarlo durante le loro feste notturne. Poi Peter Pan torna a casa ma ha un'amara sorpresa: sua madre ha avuto un altro bambino. Così, con il cuore a pezzi, torna ai Giardini di Kensington, rifiutandosi di crescere.


" Ristampa web di uno dei più (tutt'oggi) diversamente modernissimi testi fiabeschi o per l'infanzia cosiddetta che incarna nell'immaginario collettivo anche dinamiche contemporanee globali forse insospettate: Ovvero Peter Pan, ovvero l'Icaro elettronico , in senso archetipale ma anche letteralmente psicosociale nel duemila. E finalmente, passata la sbornia psicologistica e pseudofreudiana, di un testo simbolo dell'umanità infantile incapace di crescere, al contrario, la memoria sempre possibile della libertà individuale  supercollettiva possibile,  per cambiare l'eterna preistoria (spesso misconosciuta) di Adulti non meritocratamente al potere e della solita gerentocrazia contro il futuro, vero psicodramma probabile del nostro tempo. Oltre, naturalmente, alla bellezza pura  del romanzo volo e sempre educativa doc nel regno e la costellazione dei bambini. (R.G.)


https://www.amazon.it/dp/B07CV4K93S/ref=rdr_kindle_ext_tmb


Commenti